mariatorrisi

di Maria Torrisi

Una manifestazione di due giorni a Sant’Agata di Militello e Capo d’Orlando per promuovere il consumo del pesce azzurro vedrà impegnati cuochi siciliani ed esperti dell’alimentazione e del settore pesca. In programma il 30 e 31 ottobre: confronti, dibattiti, degustazioni e la prima edizione di un concorso di cucina per studenti
E’ una delle risorse alimentari più importanti dell’area del Mediterraneo, eppure il pesce azzurro è ancora poco valorizzato sulle nostre tavole. La richiesta sul mercato è in gran parte limitata ai soli consumatori più attenti ed informati, mentre l’interesse dei più si concentra ancora sul pescato di grossa taglia (senza fare caso al rischio di inquinamento da mercurio), su quello importato (spesso da Paesi che non garantiscono la tracciabilità del prodotto), sui surgelati (che non contengono tutte le proprietà nutrizionali del pesce fresco e a chilometro zero) e sul pesce da allevamento (spesso più grasso perché alimentato artificialmente e costretto a vivere negli spazi ridotti dell’ acquacoltura).
Così l’Unione regionale Cuochi siciliani, da sempre attenta alla valorizzazione e alla promozione della sana alimentazione, ha promosso l’evento “Dal mare al piatto” che per due giorni vedrà coinvolti gli esperti dei fornelli, insieme ai responsabili regionali delle politiche economiche e ai rappresentanti del settore della pesca.
L’evento si svolgerà per una prima parte nella bella cornice del Castello Gallego di Sant’Agata di Militello, in provincia di Messina, e per una seconda parte presso l’agriturismo “La mia valle” di Capo d’Orlando, sempre in provincia di Messina.
Alla formazione dei giovani è stata rivolta una particolare attenzione, tanto che gli organizzatori hanno voluto bandire il primo concorso regionale “Il pesce azzurro nella ristorazione” riservato non solo ai cuochi professionisti, ma anche agli alunni degli istituti alberghieri che, in coppia (un professionista e un allievo per ogni provincia), si confronteranno nella preparazione di un piatto che dovrà avere come ingrediente principale il pesce azzurro.
Nella prima delle due intense giornate, domenica 30 ottobre, dopo un laboratorio didattico per le scuole elementari, è previsto il convegno: “Il pesce azzurro: una risorsa da valorizzare nell’alimentazione” che si concluderà con un aperitivo “azzurro”. Nel pomeriggio un laboratorio di pittura a tema marino, e a seguire uno show coking a cura dei cuochi dell’Unione regionale cuochi siciliani. Alle 20 una degustazione dei prodotti del territorio.
Lunedì 31 la giornata comincerà con il primo concorso regionale “Il pesce azzurro nella ristorazione”, poi un “legumi party” farà da sfondo al verdetto della giuria che si esprimerà sul concorso di cucina. Nel pomeriggio, l’evento si sposterà nella sede dell’agriturismo “La mia valle”, a Capo d’Orlando, per la tavola rotonda: “Il pesce azzurro come elemento imprescindibile nella dieta salutistica” e si concluderà con la cena di gala.
Tutta la manifestazione sarà un “viaggio” attraverso le opportunità offerte dal pesce azzurro al palato, al benessere e al portafogli dei consumatori. Partendo dall’analisi delle ragioni dell’inadeguato interesse, si vuole approdare a proposte concrete per incoraggiare consumo e vendita di pesce azzurro: dallo sviluppo di politiche a sostegno del comparto, alle proposte di nuove ricette che sappiano incontrare il gusto anche dei consumatori più giovani.
Gli incontri, aperti al pubblico, saranno l’occasione per fotografare l’intero percorso del pesce che dal mare arriva fino alle nostre tavole. Ne parleranno domenica: Giuseppe Castiglione, sottosegretario al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali; Nino Accetta, presidente regionale di Federcoopesca (la federazione delle cooperative della pesca), Antonio Ortoleva, agronomo pesca; e ci saranno gli interventi del senatore Bruno Mancuso, per due mandati sindaco di Sant’Agata Militello e vicepresidente del parco dei Nebrodi; di Antonio Germanà, deputato della Repubblica e componente della commissione Ambiente, territorio e lavori pubblici; ed infine daranno il benvenuto il sindaco di Sant’Agata di Militello Carmelo Sottile e il sindaco di Brolo Irene Ricciardello.
La tavola rotonda del lunedì 31 pomeriggi sarà animata dalla presenza dei relatori: Lidia Lo Prinzi, dietista; Alessandra Milio, avvocato e imprenditore titolare del complesso turistico “La mia valle”; Antonio Ortoleva, agronomo pesca; Tommaso Fascetto, responsabile dell’ufficio periferico del Dipartimento pesca della Regione Siciliana; Pippo Ricciardo, dirigente Soat Sant’Agata Militello; Nino Accetta, presidente regionale Federcoopesca; Carmelo Sottile, sindaco di Sant’Agata di Militello.

LASCIA UN COMMENTO

tre × 2 =