“Siete uno dei tre pilastri su cui si poggia la Sicilia: perché la gastronomia, i monumenti e la natura non soltanto rappresentano le specifiche attrazioni che spingono i turisti a scegliere la Sicilia come meta per le loro vacanze, ma costituiscono i tradizionali cardini su cui si fonda la nostra economia”. Lo ha dichiarato il presidente della regione Rosario Crocetta incontrando le delegazioni regionale e nazionale della Federazione Italiana Cuochi, durante la manifestazione organizzata dall’Urcs a Sant’Agata di Militello per promuovere il consumo del pesce azzurro.

“La vera forza della nostra Isola però siete voi – ha ulteriormente specificato Crocetta – perché i monumenti e la natura sono un patrimonio che dobbiamo avere cura di proteggere e tutelare, la gastronomia si rinnova col vostro lavoro quotidiano”.

L’incontro con il presidente della Regione è stato casuale, la sera del 30 ottobre, in un ristorante sul lungomare di Sant’Agata di Militello dove la delegazione di chef aveva deciso di trascorrere qualche momento di riposo alla fine della prima giornata di intensi lavori. L’invito dei cuochi al governatore a prendere parte ad uno dei successivi momenti della manifestazione è stata la spontanea conseguenza di quel casuale incontro e, con la stessa spontaneità, Crocetta ha accettato di presenziare il giorno successivo alla tavola rotonda e alla cena di fine manifestazione.

“Siete persone simpatiche e laboriose – ha dichiarato – e la Sicilia sta andando avanti anche grazie al vostro lavoro. Siete una delle nostre eccellenze, apprezzata in Sicilia e nel mondo intero. Siete custodi di una tradizione plurisecolare che sapete interpretare con la sensibilità e il gusto dei nostri tempi”.

La sera del 31 ottobre il presidente Crocetta ha mantenuto la promessa: ha partecipato alla tavola rotonda insieme a rappresentanti della Capitaneria di Porto, ad esperti nutrizionisti, a funzionari dell’assessorato regionale all’agricoltura e alla pesca, ai presidenti provinciali e regionale dell’Unione cuochi siciliani e ai vertici della Federazione italiana cuochi, e poi ha posato nelle foto ricordo insieme ai giovani vincitori delle diverse sezioni del concorso dedicato al pesce azzurro.

Crocetta ha confidato le proprie abitudini alimentari: ha detto che a tavola, più che la pasta ama gustare i legumi e i cereali e che a tutti i tipi di pesce preferisce quello azzurro locale, che però “si trova meno spesso di quanto vorrei, perché le richieste del mercato sono ancora indirizzate verso pesce importato e di grossa taglia”. Poi ha dichiarato la propria stima per un lavoro che contribuisce anche alla diffusione delle buone abitudini alimentari. “Il nostro pesce del Mediterraneo è un alimento che fa molto bene alla nostra salute ed è anche molto gustoso se cucinato bene come fate voi o come insegnate attraverso le ricette contenute nell’opuscolo che avete distribuito durante la manifestazione”.

Alla dichiarazione di stima è seguito un impegno. “La gastronomia contribuisce notevolmente alla sviluppo dell’economia della nostra Isola – ha concluso il governatore – e per questo è importante promuovere l’attività dei ristoratori e dei cuochi. Io incontrerò presto i rappresentanti regionali della categoria – ha ufficializzato il presidente Crocetta – per discutere con loro l’attivazione di strumenti di promozione dell’attività dei cuochi Siciliani”.

LASCIA UN COMMENTO

1 + 2 =